Sembra proprio che la primavera sia arrivata finalmente, anche dal punto di vista del meteo. Per quanto riguarda la luce solare, è primavera già da un po’ e io sono anche un po’ in ritardo nel parlare di primavera. 

Comunque non è ancora terminata, in più proprio in questi giorni si intravede una sorta di ripartenza che fa ben sperare dopo tutti i mesi passati chiusi e distanti.

Tutto ciò è proprio in linea con la primavera, che con il suo arrivo porta sempre rinascita e rinnovamento.

Certo si fanno un po’ i conti con un clima variabile,  poi ci sono dei malanni di stagione (ad es. allergie). Magari si prova stanchezza e spossatezza. Ci sono però alcuni accorgimenti che possiamo utilizzare per contrastare gli effetti negativi di questa “energia primaverile”.

Secondo la tradizione ayurvedica, in primavera c’è una predominanza degli elementi acqua/terra, che hanno qualità di pesantezza, immobilità e freschezza. 

Per ridurre gli effetti di queste qualità ed evitare la comune sensazione di sonnolenza, allergie, ritenzione di liquidi e grassi nel corpo, puoi introdurre nella pratica di yoga e nello stile di vita delle qualità opposte per portare leggerezza, movimento e calore.

Ciò porta degli importanti benefici: disintossica, attiva il metabolismo, aumenta la vitalità e la primavera diventa davvero un’occasione di rinascita.

Vediamo come fare:

  • Pratica di Yoga

Prediligi le Posizioni in Piedi – la contrazione gli arti inferiori favorisce la circolazione linfatica, “il sistema spazzino” del nostro corpo; le torsioni (meglio se da in piedi) perché “strizzano” gli organi interi in particolare il fegato e la milza favorendone il metabolismo e le loro funzioni di disintossicazione.

 

Per quanto riguarda le modalità di pratica: Le posizioni vanno mantenute brevemente ed eseguite con poca o nessuna interruzione tra l’una e l’altra. Ciò favorisce le qualità di movimento e leggerezza degli elementi aria/etere. 

È fondamentale praticare a digiuno per attivare il metabolismo e ottimizzare gli effetti disintossicanti della pratica.

 

  • Respirazione

Prediligi pratiche riscaldanti, stimolanti ed attivanti come Bhastrika Pranayama (il respiro del mantice), che aumenta il fuoco digestivo e sostiene l’eliminazione delle tossine. Se non conosci questo tipo di respirazione rivolgiti ad un insegnante qualificato.

Anche la respirazione a narici alternate (Nadi Shodana), più semplice, è indicata in primavera. Ha effetti equilibranti, in quanto rilassa ma allo stesso tempo porta energia.

 

  • Sapori consigliati

 Il piccante e l’amaro incrementano fuoco ed aria favorendo quindi le qualità di calore e movimento necessario per l’eliminazione di tossine. 

Per il sapore piccante abbiamo ad esempio ravanelli, erbette selvatiche, cicoria, radicchi. Per il sapore amaro carciofi e tutte le erbe amare come il tarassaco.

Ecco invece alcune cose da evitare che aggravano acqua/terra:

  • Dormire troppo e durante il giorno
  • Alzarsi dopo il sorgere del sole (orario acqua/ terra, che quindi li aggrava)
  • Consumare latte e latticini freschi
  • Mangiare dolci e zucchero (il sapore dolce, anche dei cereali, incrementa gli elementi acqua/terra)
  • Non fare attività fisica
  • Fare una pratica yoga molto statica

Anche introducendo alcune di queste indicazioni, puoi vivere al meglio questa bellissima stagione.

Namaste

Chiara

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *